Centro di Rieducazione Motoria
Vieni a trovarci
Via Tessa, 5 - 27100 Pavia
Chiamaci
+ (39) 0382 - 469910

Drenaggio Linfatico Manuale

Il linfodrenaggio o drenaggio linfatico; la Dott.ssa Elisa ci spiega cos'è e quali sono gli effetti di questo massaggio sul nostro organismo oltre a darci utili indicazioni di trattamento.

Il drenaggio linfatico manuale (DLM) è una particolare tecnica di massaggio che si basa sulla mobilizzazione del liquido interstiziale tramite manovre specifiche; questo favorisce il drenaggio dei liquidi linfatici dai tessuti allo scopo di facilitare il deflusso dei liquidi organici ristagnanti.
Il linfodrenaggio, contrariamente a quanto si potrebbe pensare, è una tecnica difficile da eseguire: infatti, l'operatore deve conoscere perfettamente il circolo linfatico e le infatti, l'operatore deve conoscere perfettamente il circolo linfatico e le zone da trattare: solo in questo modo, il drenaggio dei liquidi interstiziali e della linfa potrà essere favorito dalle giuste manipolazioni. Lo scopo è quello di indirizzare la linfa verso le zone linfatiche più vicine all'area massaggiata: in questo modo, la circolazione superficiale della linfa e lo scorrimento della stessa è facilitato.
La tecnica del linfodrenaggio si attua tramite applicazione di un leggero movimento pressorio sulla cute, che dev'essere lento e delicato, avendo cura di applicare spinte tangenziali. Il linfodrenaggio deve seguire il percorso della linfa: a tal proposito, il massaggio richiede d'iniziare a livello del collo, zona in cui si trovano i linfonodi dove la linfa si mescola al circolo ematico. Solo successivamente, la tecnica procede nelle altre zone del corpo.

Effetti del trattamento
Azione antiedemizzante: stimolando il lavoro dei linfonodi riesce a far defluire più facilmente gli edemi.
Azione rilassante: per attivazione del sistema nervoso vegetativo parasimpatico e per il tipo di manipolazione lenta e cadenzata a cui viene sottoposto il paziente si crea un effetto miorilassante. Azione muscolare: tramite il DLM si ha rilassamento dei muscoli ipertonici ed miglioramento dei meccanismi automatici della muscolatura liscia intestinale.
Azione di miglioramento del sistema difensivo-immunitario: evitando l'accumulo di residui infiammatori nelle zone con patologie agevolando la risposta degli agenti immunitari.

Indicazioni del Linfodrenaggio
Il DLM nasce principalmente in Fisioterapia per trattare alcune patologie del sistema linfatico (Linfedemi primari e secondari), Insufficienza venosa, Disturbi circolatori.
É efficace anche per diminuire l'edema dopo Traumi articolari, muscolari e per drenare gli Ematomi. Viene utilizzato per patologie come Cefalea, Sindrome post flebitica, Stipsi, Patologie del cavo orale, Patologie otorinolaringoiatriche, Patologie ATM, Sindrome di sudek, Sinusite, Paralisi del VI Nervo Cranici Facciale (virali o da freddo).
Inoltre può essere efficace anche per i Ritardi di cicatrizzazione, Acne, ripristino dell'elasticità cutanea Del viso, Piaghe da decubito, Eczemi, gonfiori e gambe stanche in Gravidanza, Ragadi del capezzolo, Interventi pre-post chirurgia vascolare e plastica, Lipedemi, Ritenzione idrica e Cellulite.

Controindicazioni
Non si effettua il trattamento in casi di: Infezioni acute o Malattie infettive acute, Tumori in fase di
accrescimento o terapia, Trombosi Venosa Profonda, TBC.
Può essere effettuato adottando determinate misure cautelari e sotto supervisione del medico in caso di: Infiammazioni croniche, Insufficienza Cardiaca (scompenso cardiaco), Tumori trattati, Insufficenza Renale (Seduta da effettuare prima della Dialisi) , Asma bronchiale (effettuare adeguato posizionamento del paziente con schienale rialzato), Ipotiroidismo, ipotonia e distonia vegetativa precancerosi della pelle.

Terapia
Il trattamento di Linfodrenaggio manuale non è mai sottoposto come unica terapia, per essere il più utile possibile al paziente deve essere integrato con altre terapie come:
Cura della pelle
Rieducazione Motoria (ginnastica ed esercizi respiratori)
Bendaggio compressivo, applicazione di Kinesiotaping linfatico o tutori elastici.
Terapia strumentale (in base a prescrizione medica) come: ultrasuoni, cavitazione, tecarterapia, onde d'urto, pressoterapia. La terapia strumentale non dovrebbe essere prescritta come monoterapia perché se il sistema linfatico ha problemi non riesce a drenare tutto ciò che si stimola con la terapia strumentale.

Stile di vita
È consigliabile praticare sport e seguire un'alimentazione sana e regolare, priva di eccessi e ricca di liquidi (acqua), allo scopo di stimolare il metabolismo, riattivare la circolazione e ridurre gli accumuli di liquido interstiziale, favorendo così lo scambio idrico. Attraverso la messa in pratica di questi semplici accorgimenti, il linfodrenaggio è sicuramente favorito e può dare buoni frutti in tempi ristretti.

Condividi suShare on Facebook
Facebook
Email this to someone
email